Mese: maggio 2015

IL MIO CLARINETTO

Postato il Aggiornato il

B-flat_clarinet_-_four_views
Clarinetto. four views

 IL CLARINETTO

Ho iniziato a suonare questo stumento all’età di 7 anni e mezzo, dopo aver fatto un anno di solfeggio. Sono entrata nella banda del mio paesino a 8 anni e mezzo.

Il clarinetto è uno strumento traspositore, vale a dire uno strumento che quando sul pentagramma legge un Do, produce un suono reale che non corrisponde al Do, ma ad un’altra nota (che è la nota in cui è “tagliato” lo strumento). Il clarinetto in Si♭, nella fattispecie, legge un do come si bemolle, un tono sotto. Esistono però diversi tipi di clarinetto, differenti per intonazione (ed ovviamente di grandezze diverse), che leggono tutti nella stessa chiave e con le stesse diteggiature, producendo però note reali diverse, “trasposte” appunto verso il grave o l’acuto. Questi strumenti formano una vera e propria famiglia composta dai seguenti tipi di clarinetto:

  • Piccolo in La♭ (noto come “sestino”);
  • Piccolo in Mi♭ (impropriamente chiamato anche “quartino”; sarebbe corretto chiamarlo ” terzino” visto che è tagliato una terza minore sopra);
  • Soprano in Do;
  • Soprano in Si♭ (il più diffuso e quello che ho io);
  • Soprano in La;
  • Contralto in Fa (noto come corno di bassetto);
  • Contralto in Mi♭;
  • Bassoin Si♭ (o clarone);
  • Contrabbasso in Mi♭ (detto anche “contra-alto” o “octocontralto” secondo l’uso anglosassone, per distinguerlo da quello un’ottava più acuto);
  • Contrabbasso in Si♭.

Genericamente, quando si parla di clarinetto, si sottintende il registro facendo implicito riferimento al clarinetto soprano in Si♭, il più utilizzato. C’è anche il clarinetto turco o clarinetto greco in Sol (soprano), usato molto nella musica turca, araba e greca.

220px-Clarinet_Bb

Partendo dall’alto, lo strumento inizia con il bocchino, corredato di ancia e legatura (anche detta “fascetta”). Il bocchino è l’imboccatura adatta a produrre le vibrazioni sonore. I materiali più usati oggi per bocchini di buona qualità sono l’ebanite, il cristallo ed il legno.

Segue il barilotto, che fa risuonare le vibrazioni.

La parte centrale è costituita dal corpo superiore e dal corpo inferiore, sebbene oggi alcuni clarinetti li presentino uniti. Su questi due corpi sono presenti ventiquattro fori di dimensioni differenti: sette fori, di cui sei circondati da anelli, vengono chiusi dalle dita, mentre gli altri vengono chiusi dai cuscinetti, azionati dagli anelli oppure dalle diciassette o diciotto chiavi (a seconda del modello). Tramite la chiusura e l’apertura dei fori della parte centrale, viene modificata la lunghezza della colonna d’aria vibrante in modo da ottenere i suoni dell’intonazione desiderata.

Lo strumento termina con la Campana , che dà ulteriore risonanza ai suoni.

Poiché provvisto di una cameratura sostanzialmente cilindrica, il clarinetto produce suoni una quinta più gravi di uno strumento di eguale lunghezza ma provvisto di cameratura conica.

Mi presento un pò..

Postato il Aggiornato il

Mi chiamo Eleonora Frescura e il mio soprannome è Fresh.

11759688_524879090992701_542573960_n

Sono una juventina sfegatata e la musica, in tutte le sue forme, è la mia vita. Canto, ballo e suono fin da piccolissima.

Vi spiego il mio motto: – “IMPOSSIBLE IS NOTHING” (NULLA E’ IMPOSSIBILE..) oltre che uno stile di vita cioè credere sempre nei propri sogni e negli obiettivi da raggiungere; è il tatuaggio di Claudio Marchisio, un giocatore della Juventus che seguo fin dal primo esordio con la squadra, da sempre. -“NEVER BACK DOWN” (MAI ARRENDERSI) La difficoltà, le sfide e i problemi sono all’ordine del giorno per tutti e piccole o grandi che siano esisteranno sempre. Parecchie volte, stanchi, demotivati e sopraffatti dai problemi si arriva quindi alla triste decisione di arrendersi e accettare qualcosa che non ci va, rassegnandosi ad uno stile di vita o delle situazioni che invece non vorremmo più. NON C’E’ NIENTE DI PIU’ SBAGLIATO! Arrendersi è la cosa facile che molti scelgono rimpiangendo forse un giorno di non avere osato, per questo i risultati più importanti ed inaspettati premiano invece chi ci ha creduto fino in fondo osando e rischiando qualcosa in più. ” Nella vita non bisogna mai arrendersi, mai rassegnarsi alla mediocrità ma bensì uscire da quella zona grigia e senza colore in cui tutto è abitudine e rassegnazione “.  cit.Rita Levi Montalcini. – “TILL THE END” (FINO ALLA FINE) Al motto di Giampiero Boniperti: “Alla Juventus, vincere non è importante ma è l’unica cosa che conta“, se ne è aggiunto uno nuovo che ha le sembianze di un grido di battaglia:  “Fino alla fine“, il coro che i tifosi fanno alzare dalle curve durante le partite. Tre parole non soltanto per dire che la Vecchia Signora non sarà mai sola, ma che chi scenderà in campo con quella maglia addosso dovrà onorarla, lottare e mai mollare. La prima volta che Andrea Agnelli pronunciò quella frase, quello slogan, fu durante l’inaugurazione dello Juventus Stadium. Il coro “fino alla fine forza Juventus” non è un semplice incitamento, ma un vero e proprio credo di questa squadra.

11003929_10152760136951819_304074211_n-900x444

Da questo si deduce come sono..

UNA GUERRIERA; UNA TIGRE….che nonostante i soli 21 anni, ha attraversato tante difficoltà, ma ne è uscita sempre a testa alta e non si è MAI ARRESA. Sono un pò come Xena.. una WARRIOR PRINCESS.. Una principessa guerriera 🙂

impossible_is_nothing_by_draxaca-d3hfcsp

Ho avuto anche io i miei cedimenti..sono umana, ma non ho mai smesso di lottare fino alla fine di ogni “battaglia”, anche quando credevo di non potercela fare, ho sempre avuto la forza e la testardaggine di rialzarmi.  Questo non solo grazie a me..ma grazie alla musica, senza la quale non potrei vivere e alla mia Juventus che mi ha dato sempre una carica assurda e una mentalità forte. Determinazione, coraggio e credere sempre in se stessi. Rialzarsi sempre,dai momenti più difficili che sembrano impossibili da superare più forti di prima. E anche se si perde una battaglia, l’importante è vincere la guerra.

mara

NEVER BACK DOWN

Con questo spero di darvi un pò di  carica e l’energia necessaria per affrontare tutto o quasi 😀

“Se tu permetti alla tua luce di splendere, tu inconsciamente dai agli altri il permesso di fare lo stesso. Così tu sei liberato dalle tue paure, la tua presenza automaticamente libera gli altri”. cit. Nelson Mandela

E ricordate che: il coraggio non è la mancanza di paura, ma la vittoria sulla paura. L’uomo coraggioso non è colui che non prova paura ma colui che riesce a controllarla…e tutto sembra sempre impossibile finché non viene realizzato.

NON PERDO MAI

CIAO A TUTTI….!

Postato il Aggiornato il

Ciao mondo..Come state? Aspetto notizie!

Sono pronta a rispondere alle vostre domande!

baci 🙂

Ciao mondo!!

Postato il

Questo è il tuo primo articolo. Fai clic sul link Modifica per modificarlo o eliminarlo, oppure inizia un nuovo articolo. Se desideri, usa questo articolo per dire ai lettori quando hai iniziato questo blog e cosa intendi farne.

Buon lavoro!