UNESCO Cup..8 SETTEMBRE 2015..GRANDI EMOZIONI E CHE FESTA ALLO JUVENTUS STADIUM

Postato il

L’Unesco Cup va alle Legends del Boca Juniors, che vincono ai calci di rigore.

12006334_953179058062230_5400695927112253617_n Il selfie di Ciro Ferrara prima della partita

JUVENTUS LEGENDS – BOCA JUNIORS LEGENDS

Guglielminpietro 26’, Trezeguet 2’st

Sequenza dei calci di rigore: Davids (J) alto; Abbondanzieri (B) gol; Bonetti (J) parato; La Paglia (B) gol; Amoruso (J) gol; Palermo (B) gol; Alessio (J) gol; Donnet (B) gol.

JUVENTUS LEGENDS: Tacconi (1’st Peruzzi), Ferrara(1’st Carrera, 36’ st Alessio), Torricelli (14’ st Dimas), Montero (1’st Aleinikov), Bonini (1’st Mirkovic), Ravanelli (1’st Schillaci, 22’ st Amoruso), Nedved, Birindelli (42’ st Tavola) , Camoranesi (24’ st Bonetti), Trezeguet, Davids

BOCA JUNIORS LEGENDS: Abbondanzieri, Ortiz, Sonora (24’ Andrizzi), Matellan, Cascini, Caniggia, Donet (18’st La Paglia), Calvo, Cagna (32’st Palermo), Palermo (18’st Barijo), Guglielminpietro (26’ st Donet)

Arbitro: Gervasoni

11950221_953203604726442_2016310570977110987_o

Mi sono emozionata tantissimo vedendo i miei idoli in campo.. è stato fantastico! Mancava solo Alessandro Del Piero che ancora non fa parte delle Juventus Legends, non essendosi ritirato, ancora, ufficialmente dal calcio giocato.

Nedved e Davids sono fenomenali, due mostri..non invecchiano mai. Hanno una condizione fisica strepitosa..per non parlare poi di Camoranesi e David Trezeguet. Montero e Torricelli hanno giocato davvero bene! Nonostante la sconfitta..la gioia di rivederli in campo è stata immensa.

11993293_1491863327775382_8182095588440255260_n

Vedere la mamma di Trezeguet esultare al suo goal, mi ha riportata indietro nel tempo, è sempre stata presente per lui. La adoro!

Quanta nostalgia..Sono convinta che in serie A farebbero ancora la differenza campioni così. LEGGENDE BIANCONERE dal cuore grande vista l’importanza che hanno dato alla solidarietà.

Sono rimasta stupita da Caniggia, un alieno!

Dovrebbero clonarli campioni così..

leggende

Spettacolo, solidarietà, sorrisi. E grande calcio. Accade in una serata particolare, nella quale è facile perdere il conto dei trofei che ci sono in campo. Campioni, anzi, per chiamarle con il loro nome, Leggende della storia di Juventus e Boca Juniors, che si sfidano per sostenere i progetti che Juventus e UNESCO portano avanti in Mali e Centrafrica: questo è il menu della serata dello Juventus  Stadium, che non potrebbe festeggiare in modo migliore il suo quarto compleanno.

Che sia una serata speciale lo si capisce subito, dalla lettura delle formazioni di partenza: nella Juve ci sono ben due numeri 4 (Montero e Bonini) e altrettanti numeri 11 (Ravanelli e Nedved). Il motivo? Semplice: sono i numeri con i quali hanno combattuto mille battaglie. La Juve sfodera un undici di partenza che sembra quasi un “dream team”: Tacconi, Ferrara, Torrricelli, Montero, Bonini, Ravanelli, Nedved, Birindelli, Camoranesi, Trezeguet e Davids. Non è da meno il Boca: alcuni nomi su tutti? Abbondanzieri in porta, Caniggia e Palermo in attacco, per dirne tre.

E a proposito di battaglie, oltre all’amicizia e alla solidarietà in palio c’è un trofeo, la UNESCO Cup: per questo in campo è sfida vera.

Lo fa capire, dopo soli sei minuti, Palermo, che dal limite fa partire una sassata con il sinistro. Colpo di classe, risposta di altissimo livello di Tacconi, che la devia in corner e dopo pochi istanti si ripete su un colpo di testa da dentro l’area.

Spettacolo, solidarietà, sorrisi. E grande calcio. Accade in una serata particolare, nella quale è facile perdere il conto dei trofei che ci sono in campo. Campioni, anzi, per chiamarle con il loro nome, Leggende della storia di Juventus e Boca Juniors, che si sfidano per sostenere i progetti che Juventus e UNESCO portano avanti in Mali e Centrafrica: questo è il menu della serata dello Juventus  Stadium, che non potrebbe festeggiare in modo migliore il suo quarto compleanno.

Che sia una serata speciale lo si capisce subito, dalla lettura delle formazioni di partenza: nella Juve ci sono ben due numeri 4 (Montero e Bonini) e altrettanti numeri 11 (Ravanelli e Nedved). Il motivo? Semplice: sono i numeri con i quali hanno combattuto mille battaglie. La Juve sfodera un undici di partenza che sembra quasi un “dream team”: Tacconi, Ferrara, Torrricelli, Montero, Bonini, Ravanelli, Nedved, Birindelli, Camoranesi, Trezeguet e Davids. Non è da meno il Boca: alcuni nomi su tutti? Abbondanzieri in porta, Caniggia e Palermo in attacco, per dirne tre.

E a proposito di battaglie, oltre all’amicizia e alla solidarietà in palio c’è un trofeo, la UNESCO Cup: per questo in campo è sfida vera.

Lo fa capire, dopo soli sei minuti, Palermo, che dal limite fa partire una sassata con il sinistro. Colpo di classe, risposta di altissimo livello di Tacconi, che la devia in corner e dopo pochi istanti si ripete su un colpo di testa da dentro l’area.

Dopo altri nove minuti Caniggia ricorda a tutti le sue doti:

17′ Il ‘Figlio del Vento’ Caniggia si invola sulla fascia sinistra e semina il panico: pallonetto dolce e palla fuori di poco!

Al minuto 25 il Boca passa: Guglielminpietro sfrutta un batti e ribatti in area bianconera, e scarica una gran botta da distanza ravvicinata sulla quale Tacconi non può fare nulla. La Juve reagisce, e dopo la mezz’ora prima ci prova Nedved dal limite, poi Ravanelli opera un bel “velo” sul quale non riesce a inserirsi Trezeguet.

Ancora Ravanelli semina il panico con un bel dribbling al limite dell’area al minuto 37, ma viene fermato proprio al momento in cui sta per caricare il tiro. La Juve cresce, trascinata da “Penna Bianca”, Trezeguet e Nedved, che dialogano bene ma non riescono a trovare lo spazio per la conclusione. Attenzione, però, quando come avversari nell’attacco avversario ci sono giocatori come Palermo, che su un rovesciamento di fronte gira di testa un cross da destra, fuori di pochissimo.

Insomma lo spettacolo non manca: ci pensa Nedved a strappare applausi a cinque minuti dalla fine del primo tempo, con un’apertura deliziosa per il taglio di Camoranesi, che costringe Abbondanzieri a salvarsi in extremis in corner. Prima della fine della prima frazione di gioco c’è ancora tempo per applaudire Camoranesi, che ferma un pericoloso contropiede di Caniggia e Palermo: le due squadre vanno al riposo con il Boca in vantaggio di misura.

Al minuto 25 il Boca passa: Guglielminpietro sfrutta un batti e ribatti in area bianconera, e scarica una gran botta da distanza ravvicinata sulla quale Tacconi non può fare nulla. La Juve reagisce, e dopo la mezz’ora prima ci prova Nedved dal limite, poi Ravanelli opera un bel “velo” sul quale non riesce a inserirsi Trezeguet.

Ancora Ravanelli semina il panico con un bel dribbling al limite dell’area al minuto 37, ma viene fermato proprio al momento in cui sta per caricare il tiro. La Juve cresce, trascinata da “Penna Bianca”, Trezeguet e Nedved, che dialogano bene ma non riescono a trovare lo spazio per la conclusione. Attenzione, però, quando come avversari nell’attacco avversario ci sono giocatori come Palermo, che su un rovesciamento di fronte gira di testa un cross da destra, fuori di pochissimo.

Insomma lo spettacolo non manca: ci pensa Nedved a strappare applausi a cinque minuti dalla fine del primo tempo, con un’apertura deliziosa per il taglio di Camoranesi, che costringe Abbondanzieri a salvarsi in extremis in corner. Prima della fine della prima frazione di gioco c’è ancora tempo per applaudire Camoranesi, che ferma un pericoloso contropiede di Caniggia e Palermo: le due squadre vanno al riposo con il Boca in vantaggio di misura.

Nemmeno il tempo di rientrare in campo e la Juve pareggia: incursione di Nedved dalla destra, palla in mezzo e appoggio in rete sottomisura di Trezeguet.

11866271_953240371389432_30451212245793565_n 12003145_953449541368515_8799039840844099280_n  11224605_953449551368514_2528160820801311621_o    11942249_953449544701848_3039775787020277724_o 11951682_953449554701847_1940163122666307216_o

Sulle ali dell’entusiasmo le Legends bianconere sfiorano l’uno-due dopo pochi secondi: Abbondanzieri si deve opporre a una conclusione di Schillaci da distanza ravvicinata. Nel  secondo tempo, inevitabilmente, i ritmi si abbassano. Il Boca ci prova dopo il 20’ con Cascini, che non trova lo specchio della porta da lontano, la Juve risponde con Nedved al 26’, Abbondanzieri blocca.

Le due squadre operano una girandola di cambi, nella Juve entrano Peruzzi, Carrera, Dimas, Aleinikov, Schillaci, Bonetti, Galia, Mirkovic, Alessio, Amoruso e Tavola. Altrettanto fa il Boca, costretto a fare rientrare alcuni giocatori, avendo solo 3 riserve “di campo”.

Ciro Ferrara appena è uscito, durante il secondo tempo, ci ha reso ancora più partecipi su twitter, scattando due selfie dalla panchina. Uno con il mitico Paolo Montero e un altro con Ravanelli!

12006230_1491796237782091_7206687493005511254_n 11954819_1491788774449504_6972415640720033385_n

A sette minuti dal termine arriva una gran girata al volo di Amoruso dal centro dell’area, che costringe Abbondanzieri ancora a una impegnativa respinta. È di fatto questa l’ultima emozione dei 90 minuti: il risultato non si sblocca più e l’UNESCO Cup si decide ai rigori.

E dal dischetto la spunta il Boca, che non sbaglia nemmeno un penalty, mentre la Juventus manca il gol con Davids e Bonetti: la coppa va alle Legends argentine, ma nessuno lascia deluso lo Juventus Stadium, al termine di una serata da ricordare.

 36.variant1400x787m
Altri scatti di ieri sera..
09.variant1400x787 11.variant1400x787 12.variant1400x787 17.variant1400x787
28.variant1400x787k
Annunci

Un pensiero riguardo “UNESCO Cup..8 SETTEMBRE 2015..GRANDI EMOZIONI E CHE FESTA ALLO JUVENTUS STADIUM

    Tutto lo Sport in un clic ha detto:
    11 settembre 2015 alle 15:57

    seguimi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...