9 NOVEMBRE 2015: IL COMPLEANNO DI UNA LEGGENDA BIANCONERA: ALESSANDRO DEL PIERO!

Postato il Aggiornato il

IL MIO IDOLO!

IERI E’ STATO IL SUO COMPLEANNO, MA NON HO AVUTO TEMPO DI SCRIVERE NULLA QUI.

COSI LO FACCIO OGGI!

AUGURI IMMENSO CAPITANO!

La ragione per cui ho iniziato ad amare la Juve è stata LUI!

UN VERO UOMO OLTRE CHE UN GRANDISSIMO CALCIATORE.

UN ESEMPIO PER TUTTI!

Sul suo sito ufficiale, la Juventus fa gli auguri ad Alessandro Del Piero, che ieri ha compiuto 41 anni. Un ennesimo riavvicinamento, dopo che nel 2012 l’ex capitano e Andrea Agnelli si erano lasciati in modo un po’ freddo. Nei tre anni successivi, con Alex in giro per il mondo (prima l’Australia, poi l’India) e poi di nuovo in Italia (ora è commentatore per Sky), si è assistito a un progressivo disgelo, culminato con la presenza in campo a giugno allo Juventus Stadium per la partita del Cuore 2015, insieme allo stesso Agnelli, oltre che a Pavel Nedved, e poi alla partecipazione, il 1° luglio, alla festa per il 70esimo compleanno di Allegra Agnelli, madre del presidente bianconero. Ora manca l’ultimo passo, quello che tutti noi tifosi della Juve desiderano: il ritorno di Del Piero a casa, come dirigente della Juventus.

DEL PIERO COMPIE 41 ANNI, GLI AUGURI DELLA JUVENTUS – Alessandro Del Piero compie oggi 41 anni. Il popolo bianconero spegne le candeline insieme a una leggenda della Juventus e del calcio.

È un lungo applauso che, ci piace pensare, non tributa onore solo alla qualità di quanto visto in campo quella sera, ma anche alla grandezza di uno dei più grandi campioni della storia della Juventus, che oggi compie 41 anni.

Una storia, quella che lega Del Piero alla Signora, lunga la bellezza di 19 anni: quasi un ventennio nel quale, insieme, abbiamo vinto tutto, in Italia, in Europa, nel mondo. Una storia fatta di gol immortali, assist decisivi, momenti difficili e giornate trionfali.

Per questo, Alessandro, oggi che compi 41 anni, non possiamo che tornare a quella serata di Madrid, nella quale tu uscisti dal campo ringraziando il pubblico con un inchino. Quello stesso inchino che oggi, virtualmente, ti tributa tutto il popolo bianconero, mentre spegne le candeline con te.

Auguri, Alex!”.

CTUy88iXAAAGX0z
IL TUO NOME E’ LEGGENDA..PER SEMPRE!

Dopo il suo addio ho pianto un mese e ancora oggi mi manca da morire.

BRIVIDI.

Cuore juventino. Alessandro Del Piero ha dedicato 19 anni della sua vita alla causa bianconera, giocando 705 partite e segnando 289 gol. Una carriera all’ insegna dei successi per il campione di San Vendemiano, che domani compie 40 anni e oggi milita nel Delhi Dynamos, in India, dopo aver giocato gli ultimi due anni nel Sydney in Australia. Del Piero ha scelto di non vestire nessun altra maglia italiana dopo il suo divorzio, peraltro non del tutto indolore, nel 2012, dalla Juventus, di cui e’ stato capitano dal 2001 al 2012, con la quale ha vinto tutto quel che poteva: 7 scudetti (ma 2 revocati per calciopoli), 1 Champions, 1 Coppa Intercontinentale, 4 Supercoppe italiana e 1 europea, 1 Coppa Italia. Insomma, nessuno come lui.

In carriera ha segnato finora 346 gol (fra Juve, Nazionale, Padova, Sydney e Delhi) in 830 partite (dati aggiornati al 40mo compleanno). Alla Juve arrivo’ a 19 anni, lo volle Giampiero Boniperti, che lo ha sempre protetto e coccolato. L’avvocato Agnelli conio’ per lui l’appellativo di Pinturicchio. Il ragazzino veneto a Torino era uno di famiglia e non ha tradito le attese, diventando il simbolo della Juventus e dei suoi successi. Grande giocatore, goleador e uomo assist, Alex ha anche ‘inventato’ il cosiddetto gol alla Del Piero, come e’ stato definito il suo tiro a parabola verso l’incrocio dei pali piu’ lontano, che lo ha mandato in rete tantissime volte. E’ stato talmente legato ai colori juventini che quando il club fu spedito in serie B per i fatti di calciopoli, Del Piero non partecipo’ al fuggi fuggi, anzi la sua decisione di restare fra i cadetti trattenne a Torino qualche dubbioso.

Guido’ la Juve al ritorno in A nel 2007 e fu capocannoniere con 20 reti, bissando il successo l’anno dopo nella massima serie con 21 gol. In azzurro Alex ha giocato 91 volte, segnando 27 gol. Nel 2006 fu protagonista ai Mondiali di Berlino, suo il gol del 2-0 ai tedeschi in semifinale, che fece calare il gelo nello stadio di Dortmund ammutolito per quella rete che condannava i padroni di casa. Sul piu’ bello della carriera, nel 1998, a Udine, si ruppe il ginocchio sinistro. Altri si sarebbero arresi. Lui rimase fermo quasi un anno, ma poi riprese a giocare.

NON CI SONO ABBASTANZA AGGETTIVI PER DESCRIVERE QUANTO E’ IMMENSO.

PER NOI JUVENTINI E’ UNA BANDIERA..

E’ IL NOSTRO ADORATO CAPITANO…E LO SARA’ PER SEMPRE!

TI AMIAMO E SAPPIAMO CHE CI AMI!

FB_IMG_1447026591793

FB_IMG_1447026819487

FB_IMG_1447059650037

FB_IMG_1447117205154

FB_IMG_1447027774444

FB_IMG_1447027858236

FB_IMG_1447027801014

FB_IMG_1447114603075

ALCUNE SUE FRASI CELEBRI:

“Un cavaliere non abbandona mai una Signora.”

“Sono orgoglioso di essere juventino, di essere una “bandiera”, come mi definite spesso, ma in realtà io sono solo una piccola parte di una grande bandiera bianconera, che cresce col passare degli anni e se ognuno di voi guarda con attenzione ci trova scritto anche il proprio nome…“

“Sono fiero di mio padre che si spaccò la schiena come elettricista, e di mia madre che avrà lavato per terra in tutte le case di Conegliano. Sono strafelice di avere avuto quell’infanzia, dove i desideri erano in rapporto alle possibilità, mai di più. E quando cominciava a venire il bel tempo, come adesso, si usciva nei prati, si faceva la casetta sull’albero, si rubavano le ciliegie e le pannocchie, c’era sempre il benedetto pallone. Bellissimo.“ (questo fa capire quanto sia Umile e una persona vera con dei veri principi)

“La maglia numero 10 della Juve deve essere indossata, non ritirata. È bello che tutti i bambini possano sognare di giocare con una maglia che in 113 anni è stata vestita da grandissimi campioni. La Juve c’è stata, c’è e ci sarà a prescindere da Alessandro Del Piero.“

“552 partite, con la stessa maglia. I numeri per me significano tanto, tutti i grandi primati che sto raccogliendo in questa fase della mia carriera. Ma non sono tutto. Perché ho sempre pensato che non basta soltanto raggiungerli, i grandi traguardi. Il valore dipende anche da come li raggiungi.
[…] Come Gaetano Scirea. A volte mi chiedo come mi vedono i ragazzi, i bambini. E penso che vorrei mi vedessero come io vedevo lui. Parlo dell’uomo, non solo dello straordinario giocatore. Perché questo, per me, vuol dire entrare nel cuore della gente, lasciare qualcosa che vada oltre i numeri.
[…] Il mio nome è vicino a quello di Scirea, bellissimo. Mi piace ricordarlo, prima di tornare a guardare avanti. (da 552 partite, http://www.alessandrodelpiero.com, 12 aprile 2008)“

“[In occasione del ritorno in serie A nel 2007] Oggi è il momento di ringraziare il nostro pubblico, i nostri tifosi, la gente della Juve. È il momento di ringraziare i ragazzi, i giovani, tutti quelli che non hanno mai smesso di credere nello sport e di credere in noi. Grazie a chi ha corso e non si è mai fermato, anche nei momenti più incerti e di fronte alle sfide più difficili. Ce l’abbiamo fatta. Tutti insieme. E allora grazie, per averci creduto e per non averci lasciati soli. Grazie per aver ricordato, in ogni momento, Alessio e Riccardo, che sentiamo con noi anche oggi. Oggi si chiude questa stagione e siamo pronti per ricominciare. Perché noi siamo, e saremo sempre, la Juve. Grazie a tutti.“

Il giorno del suo addio alla Juve su Facebook:

“DI PIU’, NIENTE

Più di 8 scudetti.
Più di una promozione dalla serie B
Più di una Coppa Italia (e speriamo due)
Più di 4 supercoppe italiane
Più di una Champions League
Più di una Supercoppa europea
Più di una Coppa Intercontinentale
Più del gol alla Fiorentina
Più di un gol alla Del Piero
Più del gol a Tokyo
Più delle mie lacrime
Più del gol a Bari
Più di un gol al volo di tacco nel derby
Più di un gol per l’Avvocato
Più della linguaccia contro l’Inter
Più dell’assist a David
Più del gol numero 187
Più del gol alla Germania
Più di Berlino
Più del gol al Frosinone
Più del titolo di capocannoniere in B
Più del titolo di capocannoniere in A
Più della standing ovation al Bernabeu
Più di 704 partite con la stessa maglia
Più di 289 gol
Più di una punizione che vuol dire Scudetto
Più del gol all’Atalanta
Più di ogni record
Più della maglia numero 10 con il nome Del Piero
Più della fascia di capitano

Più di tutto…
C’è quello che mi avete regalato in questi 19 anni.

Sono felice che abbiate sorriso, esultato, pianto, cantato, urlato per me e con me.
Per me nessun colore avrà tinte più forti del bianco e nero.
Avete realizzato il mio sogno. Più di ogni altra cosa, oggi riesco soltanto a dirvi: GRAZIE.

Sempre al vostro fianco
Alessandro”

FBL-ITA-JUVENTUS-ATALANTAFBL-ITA-JUVENTUS-ATALANTA

Jonathan Moscrop / LaPresse13 05 2012 Torino ( Italia )Sport CalcioJuventus vs. Atalanta - Serie A Tim 2011/2012 - Juventus StadiumNella foto: Alessandro Del Piero saluta i tifosiJonathan Moscrop / LaPresse13 05 2012 Turin ( Italy )Sport SoccerJuventus versus Atalanta - Italian Serie A Soccer League 2011/2012 - Juventus StadiumIn the Photo: Alessandro Del Piero salutes the fans on what seemed to be his last game in the Juventus stadium

JUVENTUS - ATALANTA

del-piero-8

alex

Un bellissimo lavoro l’hanno fatto in questa pagina..

ww.chiamarsibomber.com/gazzanet/juventus/raccontami-di-del-piero/

FB_IMG_1447165040843

FB_IMG_1447165048941

FB_IMG_1447165045428

FB_IMG_1447165051585

FB_IMG_1447165054232

#ONELOVE

TI AMO CAPITANO MIO..!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...