Una brutta Juve sconfitta dal Verona..

Postato il

8 Maggio 2016

Trentasettesima giornata di Campionato di Serie A Tim 2015/2016:

Verona-Juventus:2-1

Il Verona batte 2-1 la Juventus e ferma una striscia bianconera di 26 gare senza sconfitte (l’ultimo ko il 28 ottobre per 1-0 contro il Sassuolo). Nel giorno dell’addio al calcio, Luca Toni prima prende un palo e poi sblocca la gara con un pregevole cucchiaio su calcio di rigore (43′), concesso per un fallo di Alex Sandro su Pisano. Nella ripresa Viviani (10′) trova il raddoppio. Al 49′ rigore di Dybala.

L’Hellas è già retrocesso e la Juve è già campione d’Italia, ma al Bentegodi è comunque una serata di grandi emozioni per l’ultimo match da professionista di Luca Toni, 305 gol con i club, 16 con la Nazionale con cui si è laureato campione del mondo nel 2006. Prima del fischio d’inizio il presidente Setti ha premiato il bomber, ricoperto di applausi dai tifosi e dai calciatori della Juve. L’attaccante è l’unica punta del 4-2-3-1 di Delneri. La formazione ad Allegri questa volta gliela fa il Giudice Sportivo, con le squalifiche di Hernanes, Pogba, Mandzukic e Lichtsteiner, che si aggiungono agli infortunati Caceres, Marchisio, Morata e Khedira. In porta c’è Neto, in attacco l’inedita coppia Zaza-Dybala. Si rivede in panchina (per la gioia di noi tifosi) Chiellini.

Non si notano quasi i 63 punti di differenza tra le due squadre, d’altronde la differenza di motivazioni è abissale: il Verona vuole chiudere dando una soddisfazione al proprio pubblico in una stagione nera, mentre i bianconeri hanno la testa alla finale di Coppa Italia contro il Milan. Dunque da una parte c’è la squadra di Delneri grintosa e aggressiva, dall’altra una molle e troppo spensierata.

Il primo tiro in porta ha la firma di Viviani, una telefonata centrale per Neto al 28′. Le emozioni, non troppe, si concentrano tutte nel finale. Toni prende il palo al 38′, poi Dybala lascia sul posto Helander, s’invola verso Gollini ma calcia a fil di palo. La grande chance dei bianconeri dopo un duetto Zaza-Dybala, l’unico di un primo tempo sotto ritmo e sottotono. Un minuto dopo Alex Sandro non frena l’irruenza su Pisano: per Maresca è rigore. Dal dischetto Toni supera Neto scegliendo di calciare con il ‘cucchiaio’: l’ultimo capitolo romantico di una carriera ricca di gol.

Dopo l’intervallo è sempre il Verona a giocare meglio e a spingere sulle fasce. Al 9′ arriva il doppio: nasce tutto da un contropiede gestito da Ionita, che offre un assist d’oro a Viviani, freddo a battere Neto sotto all’incrocio. Allegri allora si gioca le carte Pereyra, Padoin e Chiellini (al rientro dopo un mese di stop), ma è ancora l’Hellas a sfiorare il tris, prima con Siligardi e poi con il neo entrato Romulo. Helander e Bianchetti non concedono nulla a Zaza e Dybala.

Al 40′ Delneri regala la passerella a Luca Toni, che si congeda dal calcio con il gol numero 157 in Serie A, il 306 con le maglie di club. Il momento più emozionante insieme al saluto di tifosi e compagni al triplice fischio di Maresca.  Nel recupero Alex Sandro si fa cacciare, rimediando il secondo giallo e all’ultimo dei 3 minuti di recupero arriva l’unico errore della serata di Helander, che spinge in area Zaza. Rigore anche qui netto, che Dybala trasforma spiazzando Gollini.Il gol su rigore di Dybala all’ultimo secondo è buono solo per le statistiche, visto che la Joya ha eguagliato il connazionale Tevez, che al primo anno in bianconero aveva segnato 21 gol. Maresca fischia la fine e Luca Toni, durante il giro di campo per ricevere gli applausi del suo pubblico, non trattiene le lacrime. Serata magica, ma al tempo stesso malinconica per lui e per il Verona, che dovrà ripartire dalla serie B. Sconfitta indolore per la Juventus, già con la testa alla finale di Coppa Italia del 21 maggio contro il Milan.

214706812-c84891e7-203e-437d-8b04-8e2a846b84ed214706862-5a8bb3a2-8037-4d0c-b2c2-0e267f7ac9c1214706906-d3145c80-6674-491b-936a-7eaaa088514b214706911-8cb21b35-4dfd-4461-86b7-747ece15284d214707502-4806cae3-31fe-471a-b3d7-869a2359e390214707563-b8fcfcea-0367-48ea-980d-8396936f1b15231944553-60974437-f649-4a5b-98a7-6d4d326f6a0d231944570-adb9c316-05c9-419e-8612-53d6960133ea231944578-523e9d2b-0f2c-41fd-b7e5-911be5369472

214707698-48859fed-7cff-46af-b1d8-1100ada9e68b214708278-d2ef19d3-20ea-4d47-ae2c-7bef04121073214708282-0a69b04f-1a5a-4c55-ab0b-100601f69a32214708344-b5cdf8a3-78be-41be-a2dc-a880870b5770231944553-60974437-f649-4a5b-98a7-6d4d326f6a0d231944570-adb9c316-05c9-419e-8612-53d6960133ea231944578-523e9d2b-0f2c-41fd-b7e5-911be5369472231944582-68422494-4a7e-4780-88c4-a3befa9eab01231945235-08b82dd6-17e3-4250-a6b8-486fa729217b231945239-143c451d-a3cf-42f3-b3d6-88c2dc03ae41231945265-ffb897f8-b4a3-47dc-bb10-1a18fff3b588231945303-f5e8b870-1902-4013-81ea-a8ff2743ee6d231945306-9342927b-1682-479e-9aa6-ad0ba2bc47f4

FORMAZIONI UFFICIALI:

VERONA (4-2-3-1): Gollini,  Bianchetti, Helander, Pisano, Emanuelsson, Marrone (35’st Greco), Ionita,  Wszolek, Viviani, Siligardi (20’st Romulo); Toni  (40’st Gomez). In panchina: Coppola, Marcone, Samir, Jankovic, Gilberto, Furman, Moras, Checchin. Allenatore: Delneri.
JUVENTUS (3-5-2): Neto, Barzagli (27’st Chiellini), Bonucci, Rugani, Cuadrado, Sturaro (17’st Pereyra), Lemina, Asamoah (26’st Padoin), Alex Sandro, Dybala, Zaza. In
panchina: Rubinho, Audero, Evra, Cassata, Favilli. Allenatore: Allegri.

NON SIAMO ABITUATI A PERDERE..SIAMO JUVENTINI!

NON DOBBIAMO NEMMENO ABITUARCI PERCHE’ VINCERE E’ NEL NOSTRO DNA.

Primo e ultimo passo falso ragazzi!

Concentrati che la Coppa Italia è vicina

SEMPRE AL VOSTRO FIANCO..

AVANTI TUTTA!

FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...