PENTACAMPIONI D’ITALIA! GRAZIE JUVE MIA!

Postato il

14 Maggio 2016

Trentottesima giornata di Campionato di Serie A Tim 2015/2016:

Juventus-Sampdoria: 5-0

La Juve supera anche la Samp, chiude il campionato a 91 punti e alza per la quinta volta consecutiva Coppa di Campione d’Italia

Nell’ultima Giornata di Campionato la Juventus travolge la Samp 5-0: segnano Evra, Dybala (doppietta), Chiellini e Bonucci.

I campioni d’Italia festeggiano infliggendo cinque gol ai liguri. Nel primo tempo vantaggio di Evra. Poi Skriniar causa rigore su Mandzukic e viene espulso. Dybala realizza e poco dopo fa doppietta. Nella ripresa in rete anche Chiellini e Bonucci.

Cinque gol come i cinque scudetti di fila: la Juventus sceglie il modo migliore per festeggiare il tricolore allo Stadium con i propri tifosi. Prima della consegna della Coppa dello scudetto c’è stato lo spettacolo in campo con la nuova maglia, quella che la Signora indosserà nella prossima stagione (2016/2017): prima Evra, doppietta di Dybala e poi anche Chiellini e Bonucci. Allegri può essere soddisfatto: dopo la sconfitta di Verona, la Juve ha risposto molto bene sul campo. Tutti segnali positivi per la finale dell’Olimpico contro il Milan, che si giocherà il 21 Maggio.

«Hi5story», l’hashtag diventato celebre dopo il quinto scudetto consecutivo vinto dalla Juventus, e una gigantesca coreografia che recita «Poche squadre sono entrate nella storia, solo una è leggenda». Sono le gigantesche scritte srotolate nella curva sud dello «Stadium» prima dell’ultima giornata di campionato e della partita con la Sampdoria, passerella e festa dei bianconeri campioni d’Italia. Sventolato anche un enorme bandierone con gli scudetti del quinquennio degli anni.

Allegri schiera il 3-5-2 con Dybala e Mandzukic in attacco. In porta confermato Neto con davanti Barzagli (al centro della difesa in previsione Coppa Italia: con Bonucci squalificato sarà lui a prendere il suo posto), Bonucci e Chiellini (di nuovo titolare dopo tanto tempo). Esterni sono Lichtsteiner ed Evra con Pogba, Hernanes e Pereyra a centrocampo. Montella risponde col 3-4-2-1 con Quagliarella punta unica supportato da Alvarez e Correa. Tra i pali c’è l’esordio in A di Brignoli con una difesa composta da Diakité, Silvestre e Skriniar. Gli ospiti iniziano bene e dopo una manciata di secondi Alvarez impegna da fuori Neto. Ma è un fuoco di paglia perché al 5′ la Juventus passa in vantaggio: punizione dalla sinistra di Dybala e sul secondo palo colpo di testa in tuffo di Evra che trafigge Brignoli.

La Juventus dopo il vantaggio non si ferma. Al minuto 14 Mandzukic è solo in area e Skriniar è costretto al fallo. Espulsione per il giovane difensore bluerchiato e calcio di rigore concesso da Gavillucci. Sul dischetto ci va Dybala che non sbaglia. L’argentino non è pago e al 21′ impegna da fuori Brignoli. Al 28′ grandissima azione di Hernanes che poi lancia Dybala che fa secco Silvestre al limite dell’area, quindi si accentra e conclude col sinistro. Brignoli è bravo a deviare in angolo. Alla mezz’ora altro assist di classe di Dybala stavolta per Lichtsteiner che di testa prende la traversa. Anche Mandzukic vuole il gol come quando dal fondo si accentra in area e conclude col destro trovando però la deviazione di un difensore. Dybala è scatenato e in un minuto prima salta con due magie Sala e Barreto per concludere out. Qualche secondo dopo prende palla al limite su assist di Hernanes e col sinistro fa inganna il portiere sul primo palo. Il tempo finisce con la traversa scheggiata da lontano da Pogba.

Il secondo tempo è una pura formalità. La Juventus, in vantaggio per 3-0, gestisce come meglio crede la palla e i ritmi senza che la Sampdoria possa fare nulla o opporre resistenza. I valori in campo sono quelli che sono e l’inferiorità numerica non aiuta di certo i blucerchiati. Chiellini cerca il gol personale e al 7′ ci va vicinissimo quando Evra lo smarca in area, ma Brignoli salva i suoi. Iniziano i cambi e Montella inserisce il fischiatissimo Ranocchia al posto di Sala, mentre Allegri cambia Pereyra con Sturaro e poi concede la standing ovation a Dybala facendo entrare Morata. Poco dopo applausi anche per Mandzukic che lascia il posto a Zaza.

Chiellini il goal lo trova al minuto 32: angolo Juve, esce Brignoli che rinvia la palla al limite dove arriva in corsa Chiellini che realizza al volo con un bolide di sinistro sotto gli incroci, festeggiando nel migliore dei modi le sue 400 presenze con la maglia della Juventus. Al 38′ raro break ligure con Alvarez che cerca il gol direttamente dal corner, ma Neto è attento e respinge. Al 40′ pokerissimo bianconero: altro corner, colpo di testa di Morata e zampata di Bonucci sottoporta. La festa bianconera può cominciare, ma senza esagerare perché tra pochi giorni c’è un altro fondamentale appuntamento: la finale di Coppa Italia contro il Milan.

FORMAZIONI UFFICIALI:

Juventus (3-5-2): Neto, Bonucci, Barzagli, Chiellini, Lichtsteiner, Pereyra  (21′ st Sturaro), Hernanes, Pogba, Evra, Dybala (23′ st Morata), Mandzukic (30′ st Zaza). (1 Buffon 34 Rubinho 16 Cuadrado 18 Lemina 20 Padoin 22 Asamoah 24 Rugani 27). All.: Allegri.
Sampdoria (3-4-2-1): Brignoli, Diakitè, Silvestre, Skriniar, Sala (10′ st Ranocchia), Krsticic, Barreto, Dodò, Correa (30′ st Soriano), Alvarez, Quagliarella (41′ st Ponce). (1 Puggioni 5 Cassani 9 Rodriguez 13 Pereira 17 Palombo 24 Muriel 28 Calò 29 De Silvestri). All.: Montella.

IMG_20160514_144111IMG_20160514_155212IMG_20160514_155217

FB_IMG_1463249256901FB_IMG_1463249305846

b001.variant525x310b002.variant525x310

FB_IMG_1463250576392

timthumbtimthumbtimthumb3

185040766-0542285a-cc83-40eb-8c0c-3c8b5af01785185040801-3fe32348-1969-44f7-a452-e2069cafce49185040803-368f5292-0e44-410b-a781-3df48c314826185040804-3dcee176-c95f-4b56-925d-ccbf59167805185041029-42d01a42-03e5-4b04-9dce-9a90f3596bf5185041471-6e66bf2a-2da7-4a0e-aa1b-ab529d16dcad185041536-fa87d3e2-5adb-47d5-abde-99741da4f94b185041651-163762ae-ac04-4af9-9b65-9d95a437a74c185041654-658f4409-ea7f-4fac-94de-d13e668ed8e2185041710-7b9e55f9-7f84-4eb3-ac28-19aaa765e137185041830-28eabd02-cef8-40a9-ac76-e136de3a8b93185042771-fa28cf36-739e-4a0a-a11a-770b37096923185042788-d40ac828-0b71-421f-98b9-047ef221f02d185042850-799e2a66-f8f2-4340-8b53-da764362e2e7185043005-30740bf6-a3c6-477d-94bf-19b9f4c1efe4185043069-976f1a2b-db83-4b7f-845d-9ea6c8fc1efa185043126-f2bbe36c-67b0-4fa6-bdd1-0be2f440b004campionidybidybiii

finale_juventus-sampdoria_match

b008.variant1400x787b010.variant1400x787b011.variant1400x787b012.variant1400x787gigi

b013.variant1400x787b015.variant1400x787b016.variant1400x787b017.variant1400x787b018.variant1400x787b019.variant1400x787scudettoscudetto2thumb3

CAMPIONICAMPIONI2campioni3campioni4CAMPIONI5CAMPIONI6CAMPIONI7CAMPIONI8CAMPIONI9CAMPIONI10CAMPIONI11CAMPIONI12

Record, primati di squadra e personali, vittorie e, soprattutto, una cavalcata straordinaria: ecco perché We Made Hi5tory

Uno Scudetto del genere non si era forse mai visto. Mettete insieme questi ingredienti e capirete il perché: una squadra completamente rinnovata, un avvio complicato, una cavalcata pazzesca. Aggiungete che quello che abbiamo appena vinto è uno Scudetto indimenticabile, perché completa il secondo Quinquennio della storia bianconera, e capirete perché i nostri ragazzi hanno scritto una pagina di storia. Anzi, diciamolo pure: di leggenda.

Perché questo scudetto è così incredibile?

Perché nessuna squadra nella storia della Serie A ha vinto lo Scudetto dopo aver raccolto un solo punto nelle prime 3 partite giocate, e dopo averne raccolti 12 dopo 10 giornate di campionato. Inoltre, solo due squadre avevano vinto in passato il Tricolore dopo aver perso la prima giornata di campionato: il Toro, nelle stagioni 42/43, 75/76 e proprio la Juve, durante il primo Quinquennio (1932/33) e poi nel 1974/75. Infine, da segnalare che la Juventus è la prima squadra dell’ultimo decennio in Serie A a vincere il campionato senza essere stata campione d’inverno.

RECORD DI SQUADRA:

Un secondo punto: i record messi a segno dalla Signora in questa stagione.
La Juve non ha subito gol per 10 gare consecutive di campionato (mai nessuno ci era riuscito in Serie A), inoltre, ha ottenuto 72 punti sui 75 nelle ultime 25 giornate, record di punti in Serie A, prendendo in esame questo intervallo di partite. Con la sfida contro la Lazio, i bianconeri hanno anche stabilito il loro record di partite interne consecutive senza subire gol: quello precedente era di otto, adesso siamo a nove e ci sono ancora due sfide allo Stadium da giocare. Infine i bianconeri hanno stabilito negli scorsi mesi il loro record di vittorie consecutive in una singola stagione, 15.

RECORD PERSONALI:

Ci sono i record di squadra, e quelli personali: analizziamoli.

Paul Pogba ha messo a referto il suo record di assist in carriera in un campionato (11) ed eguagliato quello di gol in campionato (8); inoltre il francese mai ha tirato così tanto verso la porta (114 volte) e nello specchio (36) in una stagione.

Primati personali anche per Paulo Dybala: la Joya ha messo a segno 16 reti, mai così tante in Europa, e soprattutto ha contribuito a creare ben 69 occasioni da rete.

Se ci soffermiamo sugli assist, non vanno dimenticati i sei di Morata e i tre di Alex Sandro: per lo spagnolo e il brasiliano si tratta di record personale (per Alex Sandro ci riferiamo a campionati europei).

 

 

Parlando di record personali, non possiamo che alzarci in piedi ancora una volta e celebrare il primato di Gianluigi Buffon, che rimanendo imbattuto per 973 minuti in questo campionato ha stabilito il record per un portiere in Serie A. E se non vi basta, aggiungiamo una chicca extra campionato: Gigi ha disputato la sua gara numero 90 in Champions League in maglia bianconera, diventando il bianconero più presente di tutti. Una leggenda vera. IMMENSO IL NOSTRO SUPERMAN!

 

E con questo sono nove, tutti vinti con la stessa maglia. Non c’era mai riuscito nessuno e, a ben vedere, non avrebbe potuto farcela nessun altro. Perché Gigi Buffon è il portiere più forte di tutti i tempi. Punto. E non serviva questo scudetto per certificarlo, al limite ne è un’ulteriore conferma. Il peso che ha avuto Gigi nella vittoria è enorme e non solo per il record di imbattibilità in campionato, portato a 973 minuti, o per aver tenuto la porta inviolata in casa in tutto il 2016.

L’importanza del capitano è stata assoluta in campo, ma anche nello spogliatoio. È stato lui a presentarsi davanti ai microfoni dopo la sconfitta con il Sassuolo, quando sembrava che il campionato per la Juve fosse già finito a ottobre. Ha parlato da leader, da guida, da punto di riferimento. Poi, per far seguire i fatti alle parole, ha deciso che gli avversari avevano già segnato abbastanza e ha tirato giù la saracinesca. Sarà un caso, ma da quel momento la Juve non si è più fermata. E quel rigore parato a Firenze è il suo sigillo sul trionfo.

 

IL MISTER

Massimiliano Allegri ha vinto il suo terzo Scudetto da allenatore in A: entra così nella top 10 dei tecnici più scudettati dopo Trapattoni (7), Capello e Lippi (5), Carcano e Felsner (4) e al pari di Conte (3), Garbutt (3), Herrera (3), Mancini (3), Weisz (3). Inoltre, Allegri è il settimo allenatore della Juventus a vincere due scudetti consecutivi dopo Trapattoni, Lippi, Carcano, Conte, il binomio Cesarini-Parola e Vycpalek.

 MA NON E’ FINITA QUI…

Abbiamo vinto lo Scudetto, ma c’è la Coppa Italia ancora da giocare.

E ANCORA..

Partita con più gol e con maggiore scarto: Udinese-Juventus 0-4, Chievo-Juventus 0-4 e Juventus-Palermo 4-0.

Partita con più tiri da parte dei bianconeri: Juventus-Frosinone (36 per i bianconeri)

Partita con più tiri nello specchio: Chievo-Juventus e Atalanta-Juventus (10)

Partita con maggior possesso palla: Juventus-Atalanta (69,6%)

Partita con meno tiri subiti: Juventus-Bologna (2)

Partite con meno tiri subiti nello specchio: Frosinone-Juventus, Palermo-Juventus, Juventus-Atalanta e Genoa-Juventus (tutte a 0). A proposito: questo è un altro primato in campionato (i quattro match senza subire tiri), condiviso con Napoli e Fiorentina

Partita con più passaggi effettuati: Chievo-Juventus (725)

Partita con più cross su azione: Juventus-Udinese (34)

Partita con più dribbling riusciti: Juventus-Frosinone (28)

SCUDETTO

Sono le imprese impossibili quelle che ridefiniscono i limiti dello sport. Sono le vittorie imprevedibili, quelle cui nessuno credeva e che magari coronano una strepitosa rimonta, quelle che entrano nella leggenda. Nel calcio italiano, vincere cinque scudetti di fila è ciò che proietta un gruppo di eroi direttamente nella storia.

Il nostro quinto scudetto consecutivo è il più importante e bello di tutti.

Perché risalire la china e vedere sfilare i propri avversari uno dopo l’altro alle proprie spalle, prima di potersi lasciare andare ad un urlo liberatorio, è la sensazione per cui vive e suda ogni sportivo. Perché sentire gli applausi degli increduli è il suono più dolce. Perché ribaltare ogni pronostico è semplicemente splendido ed è il destino di ogni vincente.

Testa bassa e pedalare, si diceva una volta, prendendo a prestito quella metafora ciclistica tanto cara al mister, che spesso ha parlato di una corsa a cronometro della Juve contro se stessa. Già perché quest’anno i veri avversari erano i nostri limiti. Questa volta non siamo stati padroni della classifica dalla prima all’ultima giornata. Lo ricorderete: la testa della classifica ad un certo punto, era lontana, rarefatta, sfocata. Pareva irraggiungibile.

È in quel momento che un rivale ha iniziato a valere l’altro. Sotto a chi tocca, siamo qui per sfidare noi stessi e solo noi stessi. Giornata dopo giornata, domenica dopo domenica. Non provate a distrarci, non parlateci di avversari, non diteci di guardare più in là della prossima partita: siamo attenti solo al battito del nostro cuore, al respiro della nostra corsa.

Un’impresa come la nostra non si ripeterà facilmente.

Abbiamo eguagliato le gesta di una delle squadre più forti di sempre, abbiamo vissuto un secondo Quinquennio d’Oro, 81 anni dopo. Sul campo, nella storia, solo quella Juve (1930-35) ed Grande Torino (1942-1949) erano riusciti ad essere così grandi.

Cinque scudetti, uno di fila all’altro. I cicli vincenti non nascono per caso, ma si alimentano del lavoro, della caparbietà e della lungimiranza di chi ha il coraggio di non accontentarsi.

Nelle ultime cinque stagioni abbiamo vinto in modi diversi. Sì, ora possiamo dirlo, anche in rimonta. La prima volta abbiamo trionfato con slancio e ardore, contro ogni pronostico. Nella nostra nuova casa. Imbattuti.
Ci è stato chiesto di riconfermarci, per vedere se era solo una chimera. Non lo era.
Tanto per fare chiarezza, lo abbiamo ribadito anche l’anno successivo, calpestando ogni possibile primato.

Poi abbiamo cambiato la guida tecnica. E abbiamo vinto ancora, consapevoli di essere comunque i più forti.

Quest’anno abbiamo rimescolato nuovamente le carte in tavola, perché la sorte sorride solo agli audaci, e ci siamo rimessi in discussione. È servito solo un po’ di tempo, neanche molto a bene vedere, perché chi conosceva la Juve per la prima volta imparasse cosa significa farne parte.

E quando è accaduto, siamo ripartiti. Abbiamo superato ogni avversario con la fame e l’orgoglio di chi vuol far ricredere tutti. Tutti uniti.. tutti insieme! Un gruppo sempre più solido e con la mentalità vincente che ha da sempre caratterizzato la nostra squadra! E abbiamo dominato di nuovo.

Lo abbiamo fatto vincendo a raffica, in maniera clamorosa, ottenendo 73 punti sui 75 a disposizione nelle ultime 25 giornate. Un record. Lo abbiamo fatto anche grazie a quei terribili ‘vecchietti’ che sono l’asse portante di questo straordinario gruppo. Otto, tra loro, hanno vinto cinque scudetti di fila: Buffon, Barzagli, Bonucci, Caceres, Chiellini,Marchisio, Lichtsteiner, Padoin.

Siamo tornati a vincere ripartendo dalle basi, dalla difesa, blindata a doppia mandata: basti pensare che nel 2016 Buffon, l’uomo più imbattibile della storia del calcio italiano con 973 minuti, non ha mai subito gol in casa. Siamo rimasti senza subire reti per 10 gare consecutive di campionato, stabilendo un altro primato. Fondamenta solide, su cui poter costruire un’impalcatura di gioco e gol diretta magistralmente da centrocampo e ornata dalle reti di un fenomenale reparto offensivo, fatto di classe, carisma, imprevedibilità e ardore.

Nessuna squadra nella storia della Serie A ha vinto lo Scudetto dopo aver raccolto un solo punto nelle prime 3 partite giocate, dicevano. Nessuna squadra ha mai vinto lo Scudetto dopo aver raccolto 12 punti (o meno) dopo 10 giornate di campionato, dicevano. Nell’ultimo decennio nessuna squadra ha vinto il campionato senza esser stata campione d’inverno, dicevano.

Oggi, col sorriso, siamo noi che diciamo #Tanti5aluti. Mai dare per spacciata una squadra che da sempre si batte #FinoAllaFine. Che preso un coro, ne ha fatto un motto e poi una ragione d’essere. Mai dare per spacciata la Juve.

CARD-MANO

News_Scudetto_Uomini_1

 

GRAZIE RAGAZZI!!!!!!

UN FINALE DA RECORD:

La Juventus ha chiuso la stagione con 91 punti in campionato: nella sua storia in un campionato a 20 squadre ha fatto meglio solo nel 2013/14 (102) e in generale solo l’Inter 2006/07 (97).

Abbiamo vinto le ultime 16 gare interne di campionato e non abbiamo subito gol nelle 11 più recenti.

Inoltre, a campionato terminato, si può dire che la Juventus ha eguagliato altri due record: i soli 20 gol subiti in un campionato a 20 squadre (Juventus 2011/12), i 22 clean sheet in un singolo campionato di Serie A della Juventus 2013/14 e del Milan 1993/94.

COPPA1COPPA2COPPA3COPPA4COPPA5COPPA6COPPA7COPPA8COPPA9COPPA10COPPA11COPPA12COPPA13COPPA14COPPA15COPPA16COPPA17COPPA18

 QUANTO SIETE BELLI!

SIETE LA MIA FELICITA’…IL MIO UNICO GRANDE AMORE!

JUVEEEE STORIA DI UN GRANDE AMOREEEEEE

Sono fiera di voi..ci ho sempre creduto anche quando nessuno lo faceva, ho sempre saputo che ce l’avremmo fatta, noi siamo destinati a vincere è nel nostro DNA.

GRAZIE RAGAZZI CHE AVETE RIPAGATO LA MIA FIDUCIA.

ECCO LA JUVE NELLA STAGIONE 2015/2016:

-38 PARTITE GIOCATE

-29 VITTORIE

-4 PAREGGI

-5 PERSE

CAMPIONI D’ITALIA!

FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...