SUPERGIGI AL CUADRADO!

Postato il Aggiornato il

18 Ottobre 2016

Fase a gironi di Champions League:

Lione-Juventus: 0-1

Dopo tante critiche, alcune anche pesanti. Il doppio errore tra Nazionale e Juve-Udinese non ha minimamente scalfito la corazza di un gigante come Gianluigi Buffon. Il nostro superman come sappiamo noi tifosi è unico e inimitabile. E’ suo il volto del successo bianconero, ha fatto parate assurde e difficili anche solo da spiegare, come quella sul rigore di Lacazette e il miracolo che nega a Fekir il vantaggio in avvio di ripresa. La Juventus mostra i muscoli, si gode la magia da tre punti di Cuadrado e prosegue la sua marcia in testa al Gruppo H di Champions League a braccetto con il Siviglia, che ha vinto a Zagabria con lo stesso risultato della Vecchia Signora (0-1). Il Lione cede quando avrebbe dovuto prendere in mano la partita, vale a dire dopo l’espulsione di Lemina (8′ della ripresa). Ma in inferiorità numerica si è visto il volto migliore della Juve, capace di compattarsi in difesa senza rinunciare a pungere.

La rabbia di Buffon per le critiche ricevute, l’ironia di Allegri verso l’arbitro Marciniak, “Dobbiamo ringraziarlo per l’espulsione di Lemina: ha dato più ampiezza al nostro gioco…’: è stata un’altra notte speciale per la Juventus, tornata da Lione con i tre punti che la lasciano al primo posto del girone di Champions, in coabitazione con il Siviglia.

La Juventus parte subito forte e sin dai primi minuti prova a mettere sotto i ben organizzati avversari. I bianconeri dominano la partita, ma non riescono a segnare, grazie anche alla buona difesa del Lione. Higuain cerca i pali da fuori area ma il suo mancino termina alto. A vanificare la principale occasione del primo tempo bianconero è, suo malgrado, Sami Khedira, che mura con il corpo un sinistro a colpo sicuro di Bonucci. Il Lione tampona per poi provare a ripartire. Alla mezz’ora del primo tempo, la partita rischia di prendere una brutta piega: sugli sviluppi di un corner, Bonucci atterra Diakhaby e l’arbitro concede il penalty. Sul dischetto Lacazette si fa ipnotizzare da Buffon che intercetta alla sua sinistra. All’uscita dal tunnel degli spogliatoi è tutto un altro Lione. Fekir approfitta di un errore di Dani Alves, sterza di colpo su Barzagli e spara con il destro: Bonucci devia, Buffon ha un riflesso mostruoso e salva la porta. La serata bianconera rischia di naufragare definitivamente quando Lemina ferma fallosamente una ripartenza di Fekir: secondo giallo e conseguente espulsione, Allegri ridisegna subito i suoi arretrando Dani Alves sulla linea di difesa. Cuadrado per Dybala è il primo cambio ordinato dal tecnico bianconero ed è la mossa vincente, anche se prima di arrivare al vantaggio c’è bisogno di altri due miracoli di Buffon: prima su un gran tiro di Ghezzal (riflesso pazzesco dopo una doppia deviazione) e poi sul colpo di testa ravvicinato di Tolisso (riflesso di piede). Si apre lo scenario per Cuadrado. Il colombiano salta Morel dopo averlo puntato, butta un occhio a centro area, quanto basta per convincere Lopes, che si predispone al cross. Un cross che non arriva, perché Cuadrado fa partire un missile che tramortisce il portiere dei padroni di casa e permette alla Juve di gestire il vantaggio nel quarto d’ora finale. Sturaro e Benatia per Khedira e Dani Alves, Allegri vuole uomini da trincea per evitare guai. Gonalons ci prova da fuori area ma per il Buffon di questa sera è uno scherzo respingere in tuffo, il secondo dei tre minuti di recupero toglie il fiato a noi tifosi bianconeri: Ghezzal ha tempo per stoppare e prendere la mira col sinistro, quando il pallone sfila sul fondo il nostro sospiro di sollievo.

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

FORMAZIONI:
Lione (3-5-2): Lopes; Yanga-Mbiwa (36′ st Cornet), Nkoulou, Diakhaby; Rafael, Darder (19′ st Ferri), Gonalons, Tolisso, Morel; Fekir, Lacazette (27′ st Cornet). (Gorgelin, Gaspar, Tousart, Ghezzal, Valbuena). All.: Genesio
Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Evra; Dani Alves (38′ st Benatia), Khedira (30′ st Sturaro), Lemina, Pjanic, Alex Sandro; Dybala (24′ st Cuadrado), Higuain. (Neto, Benatia, Mattiello, Hernanes, Kean). All.: Allegri

Grazie ragazzi!

Immenso Cuadrado…

In quanto al mio SUPERG1G1 ho finito gli aggettivi ha dimostrato ancora una volta che le chiacchiere stanno a zero, Noi lasciamo parlare il campo.  Vi riporto qua sotto l’intervista di Gigi post partita. Parole da vero Capitano.

Leggermente “incazzato” per le critiche dei giorni scorsi, Gianluigi Buffon si toglie qualche sassolino dalle scarpe davanti le telecamere di Premium.

“Mai detto che nessuno mi dava per morto, nessun funerale. So, senza presunzione, essere autocritico, non c’è bisogno che qualcuno diventi spocchioso entrando e mancando di rispetto della persona e della sua carriera, non mi sono mai omologato con gli altri, io ho sentito solo una cosa giusta tra le varie stupidate, <<io da Buffon pretendo di più>> “.

Anche stasera la Juventus ha vinto soffrendo, per il capitano bisogna invertire la tendenza e cominciare a giocare meglio.

“La Juve deve migliorare perché non può bastare per andare in fondo, so che abbiamo fatto è proposto in parità numerica, poi in inferiorità siamo stati più squadra senza accontentarci. Lo spirito ed il senso di responsabilità è buono, dobbiamo migliorare e abbiamo margini per poterlo fare, sarebbe un peccato non spendere questo tempo per non fare un salto in avanti”.

Alessio Tacchinardi gli chiede come mai non abbia esultato alle parate fatte questa sera…

“Perché non hai esultato? Non ho esultato perché mancava tanto alla fine e non volevo perdere energie, la situazione lo richiedeva lo dovevo ai compagni, alla società, ai tifosi che con me sono encomiabili. Pensavo da prendere la gara con le molle, sono una squadra di qualità con esperienza europea, protagonisti in questi quindici anni, vincere voleva dire mettere un’ipoteca sul passaggio del turno, in undici contro undici non pensavo di poter perdere, poi in dieci pensavo che potesse accadere ma abbiamo dato una buona risposta di compattezza, come detto prima secondo me, dobbiamo fare dei passi in avanti se vogliamo essere protagonisti in Europa”, conclude.

AVANTI TUTTA..NON MOLLIAMO MAI!

DAI RAGAZZI!

FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...