Una Juve fantastica ricomincia da 3!

Postato il

19 Novembre 2016

Tredicesima giornata di campionato di Serie A Tim 2016/2017:

Juventus-Pescara: 3-0

Vittoria larghissima per la Juventus, che impegnata in casa contro il Pescara riesce ad imporsi con il punteggio di 3-0. Il Pescara si presenta con una difesa blindata e quando la Juve passa la tre quarti campo è facile vedere almeno otto maglie gialle a ridosso dell’area di rigore. Per superare una simile muraglia non c’è altro da fare che affidarsi al palleggio, aspettando un movimento sbagliato degli avversari o una giocata individuale. Al 25′ Allegri deve rinunciare a Lichtsteiner e inserisce Cuadrado. La sostituzione non cambia l’assetto tattico, ma regala ai bianconeri quel pizzico di imprevedibilità che dieci minuti più tardi si rivela decisiva: il colombiano parte palla al piede dalla tre quarti, punta l’uomo e tocca per Khedira che, dopo uno scambio stretto al limite dell’area con Mandzukic, infila il diagonale nell’angolino alla destra di Bizzarri. Di Sami Khedira, quindi, nel primo tempo la rete dell’uno a zero. Raddoppio nella ripresa con gli stessi attori, ma questa volta e’ il tedesco che di testa mette la sfera sui piedi dell’ex Atletico Madrid, il quale da due metri mette alle spalle di Bizzarri. Terza rete pochi minuti piu’ tardi ad opera di Hernanes che trasforma in applausi i fischi dello Juventus Stadium grazie ad un gran tiro da lontano. Al netto dei gol di Khedira, Mandzukic e Hernanes, l’ingresso in campo del vercellese di origini ivoriane ha suscitato il boato più grande dello Stadium. Un po’ l’attesa – il “ragazzetto bravetto”, come lo chiama Allegri, era all’ottava convocazione, dopo un mese nel giro della prima squadra – un po’ lo stupore di vedere davvero un 16enne scorrazzare allo Stadium anziché nei campetti degli Allievi Nazionali, la sua categoria. Giusto il tempo per un paio di sportellate, un pallone perso e una bella fuga sull’out sinistro.Dello juventino Moise Kean, il primo ragazzo del 2000 a calcare i prati della Serie A, ‘millennial’ non si può che raccontare dell’incredibile precocità. E della grande personalità con cui sabato sera ha addentato i suoi primi sette minuti più recupero di celebrità, gli ultimi di Juve-Pescara.

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

{}

 

FORMAZIONI:

JUVENTUS: Neto; Rugani, Bonucci, Evra; Lichtsteiner (25′ pt Cuadrado), Khedira (26′ st Sturaro), Hernanes, Asamoah, Alex Sandro; Higuain, Mandzukic (39′ st Kean) A disposizione: Buffon, Audero, Chiellini, Lemina, Marchisio, Pjanic. Allenatore: Allegri

PESCARA: Bizzarri; Zuparic, Campagnaro (1′ st Vitturini), Biraghi; Zampano, Memushaj, Brugman, Cristante (31′ st Bruno), Crescenzi;  Pettinari, Caprari (20′ st Pepe) A disposizione: Fiorillo, Aquilani, Muric, Manaj, Benali. Allenatore: Oddo

Dobbiamo cercare di giocare meglio,ma…VINCERE E’ L’UNICA COSA CHE CONTA…!

Forza ragazzi!

Mai mollare..

Abbiamo ancora molta strada da fare..

Contentissima per l’esordio storico di Kean!

FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...