JUVENTUS-ATALANTA

Qualificazione sofferta..Juve che non molla mai!

Postato il

11 Gennaio 2017

Coppa italia- Ottavi di finale:

Juventus-Atalanta: 3-2

La Juventus suda fino all’ultimo istante, l’Atalanta conferma le sue grandi qualità. Allo Stadium va in scena un ottavo di finale di Coppa Italia tutt’altro che scritto, con i detentori delle ultime due edizioni del trofeo che nel secondo tempo subiscono il rientro prepotente dei ragazzi di Gasperini. Il 3-2 finale, con i nerazzurri vicini anche al possibile pareggio, è la fotografia di una partita avvincente, che spalanca le porte dei quarti a Marchisio e compagni.

{}

Dybala e Mandzukic firmano l’allungo nel primo tempo.

Dybala firma il capolavoro del vantaggio con un bellissimo sinistro di prima intenzione su sponda dell’onnipresente Mandzukic.

{}

{}

{}

{}

{}

{}

Dybala ritiene doveroso rendere la cortesia, è lui a guidare l’azione centralmente prima di aprire per il croato. Toloi in scivolata disperata non intercetta, il centravanti apre il piatto destro e fa 2-0.

{}

{}

{}

{}

{}

La Vecchia Signora rallenta troppo e subisce il rientro dei nerazzurri: Konko accorcia, Pjanic sigla il 3-1 su rigore, Latte Lath trova il primo gol da professionista e spaventa la Juve nel finale.

Konko arriva in corsa e spara al volo sorprendendo Neto.

{}

{}

E’ il 2-1 ma dura poco, visto che D’Alessandro travolge in area Lichtsteiner e concede a Pjanic il rigore del nuovo doppio vantaggio.

{}

{}

{}

{}

3-2: Conti per il ragazzo del 1999 Latte Lath, che brucia proprio Lichtsteiner e accorcia nuovamente le distanze.

{}

 

FORMAZIONI:

Juventus (4-3-1-2): Neto; Lichtsteiner, Barzagli, Rugani, Asamoah; Marchisio (1′ st Sturaro), Hernanes, Rincon; Pjanic (37′ st Bonucci); Dybala (17′ st Pjaca), Mandzukic. (Audero, Del Favero, Semprini, Cuadrado, Khedira, Higuain). All.: Allegri
Atalanta (3-4-1-2): Berisha, Toloi, Caldara, Masiello; Conti, Grassi (15′ st Latte), Freuler, Spinazzola; Kurtic (1′ st Konko); Petagna, D’Alessandro (37′ st Gomez). (Bassi, Sportiello, Raimondi, Melegoni, Gatti, Migliaccio, Capone, Pesic). All.: Gasperini

Se non ci complichiamo la vita non siamo contenti!

Che faticata…ce l’abbiamo fatta!

Ragazzi non mollate mai!

Avanti tutta..

FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS!

NOI SIAMO QUELLI DEL: “FINO ALLA FINE”

Postato il Aggiornato il

3 Dicembre 2016

Quindicesima giornata di Campionato di Serie A Tim 2016/2017:

Juventus-Atalanta: 3-1

FORMAZIONI:

Juventus (4-3-1-2): Buffon; Lichststeiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Khedira (15′ st Lemina), Marchisio, Sturaro; Pjanic (32′ st Evra); Higuain, Mandzukic (29′ st Cuadrado). In panchina: Neto, Audero, Benatia, Asamoah, Kean, Hernanes. Allenatore: Allegri
Atalanta (3-4-2-1): Sportiello; Toloi, Masiello, Caldara; Conti (9′ st Grassi), Kessié, Spinazzola, Freuler; Kurtic (29′ st D’Alessandro), Petagna (9′ st Pesic), Gomez. In panchina: Bassi, Mazzini, Drame’, Migliaccio, Raimondi, Bastoni, Capone. Allenatore: Gasperini

La Juventus non è morta. Per chi avesse avuto dei dubbi dopo la sconfitta di Marassi contro il Genoa, i bianconeri rispondono sul campo (come hanno sempre fatto) fermando la corsa dell’Atalanta e battono i giovani bergamaschi con le loro stesse armi, ovvero con forza fisica, anticipi, pressing a tutto campo, sacrificio e giocate di prima. Nel primo tempo uno-due letale con le reti di Alex Sandro e Rugani. Nella ripresa Mandzukic corona una prestazione straordinaria col gol. Nel finale la rete ospite grazie a Freuler.

{}

{}

La Juve riprende la marcia giocando una delle migliori gare della stagione, spazzando via gli avversari in venti minuti e dominando il resto dell’incontro: la difesa a quattro scelta da Allegri, vista l’assenza di Bonucci, funziona perfettamente e concede qualcosa solo nel finale, a partita ormai ampiamente decisa. Il centrocampo, con Marchisio in regia e Pjanic sulla tre quarti, è ispirato e rifornisce con continuità gli ottimi Mandzukic e Higuain.

La percussione di Alex Sandro al 15′, conclusa con una sventola che si insacca a fil di palo, è la prima conferma delle intenzioni dei bianconeri. La sua esultanza commuove tutti, la dedica speciale al Chape è un gesto bellissimo.

{}

L’incornata con cui Rugani, quattro minuti più tardi, spedisce in rete il corner di Pjanic è la seconda.

{}

{}

Il doppio vantaggio non basta. La Juve è assatanata, sfiora il terzo gol con la punizione di Pjanic  e continua a comandare il gioco, schiacciando nella sua metà campo una pur volenterosa Atalanta. I bergamaschi si fanno vivi solo dopo il 40′, ma l’attenzione e la voglia di vincere dei bianconeri è massima ed è rappresentata perfettamente da Mandzukic, che prima respinge il tentativo di Freuler e poi si tuffa addirittura  come il più tignoso dei difensori per mettere in angolo il destro di Gomez. IMMENSO MARIONE!

{}

L’avvio del secondo tempo è anche più frizzante del primo: da una parte la spettacolare combinazione, tutta di prima, tra Khedira, Higuain e Mandzukic, interrotta all’ultimo dal recupero della difesa nerazzurra.

Dall’altra l’iniziativa di Petagna, conclusa con un destro smorzato che non crea problemi a Buffon.

{}

Mandzukic è straripante, è un tuttofare: non butta via un pallone, non smette per un attimo di “mordere” gli avversari, si propone come ala e va al cross, apre il gioco quando arretra… Il pensiero di tutti è che meriterebbe almeno goal per lo straordinario atteggiamento con cui trascina i compagni. E il goal arriva puntuale: dopo un destro maligno di Marchisio messo in angolo da Sportiello, Pjanic disegna un’altra perla dalla bandierina e il croato stacca perfettamente, infilando l’angolino.

{}

{}

{}

{}

{}

{}

E quando alla mezz’ora, dopo un duro contrasto con Gomez, Super Mario lascia il posto a Cuadrado, tutto lo Stadium gli tributa una più che meritata ovazione. {}

{}

Altri applausi vanno a Pjanic, sostituito da Evra, anche lui autore di una prestazione superba. La volée di Freuler, che devia alle spalle di Buffon il preciso cross di D’Alessandro, cambia il punteggio nel finale, ma non la sostanza né la morale della serata: ogni tanto può anche inciampare anche la Juve. Ma quando si rialza, fa paura.

 

 

 IMMENSO SUPER MARIONE!
Mandzukic corre, recupera palla, umilia gli avversari, prepara il thè caldo, spazza per terra e nel tempo libero fa lo steward allo stadium, ma (cosa più importante) segna pure! ahaha
Dovrebbero esserci sempre 11 Mario Mandzukic in campo!
Me lo sentivo troppo il tuo goal e non mi hai delusa..GRAZIE GUERRIERO!
QUESTA E’ LA MIA JUVE!
GRAZIE RAGAZZI!
RISPETTO PER TUTTI…PAURA DI NESSUNO!
GRINTA, CORAGGIO, TESTA, CUORE E TANTA FAME DI VITTORIA.
VINCERE NON E’ IMPORTANTE….E’ L’UNICA COSA CHE CONTA.
SEMPRE AL VOSTRO FIANCO RAGAZZI. SEMPRE!
FINO ALLA FINE FORZA JUVENTUS!